Sintomi depressione: Il pensiero che fa sentire inadeguati, l’ “impotenza appresa”

Sintomi depressione: l’impotenza appresa

Sintomi depressione – La “Profezia che si Autoavvera” dimostra come l’ opinione che ognuno ha di se stesso e la modalità con cui dà un significato al comportamento altrui, influenzino completamente il modo di porsi e, di conseguenza, producano effetti differenti sulle situazioni che vive.

Ciò comporta, per esempio, che un atteggiamento sorridente e di apertura nei contesti sociali, scatenerà con buone probabilità simpatia e interesse negli altri, attivando una serie di eventi per cui, sulla base dei feedback positivi ricevuti, ci si sentirà sereni e brillanti nelle relazioni con gli altri ottenendo sicurezza e determinazione.

Quando la tendenza prevalente è però quella di interpretare gli eventi in maniera negativa la “Profezia che si Autoavvera” assume un’ accezione contraria che viene meglio definita come “Impotenza Appresa”.

La premessa alla base di questo concetto è quella per cui, attraverso traumi ed esperienze negative su cui l’ individuo ha cercato di esercitare un controllo, si è determinata in lui la sensazione di essere incapace di agire e controllare la propria vita, generando un senso di immobilità che può, talvolta, determinare una totale demoralizzazione.sintomi depressione, disturbo bipolare, psicologo firenze, psicoterapeuta firenze, ansia sintomi, ilaria visconti

Secondo Seligman, il senso di impotenza si sviluppa proprio nel momento in cui, di fronte ad eventi angoscianti in cui non si ha possibilità di controllo, si tende a perdere la fiducia nelle proprie capacità e ciò può portare allo sviluppo di sintomi depressivi.

Tale modalità è particolarmente presente nelle persone che hanno una personalità strutturata in senso depressivo (per approfondire, clicca qui) che le porta a sentirsi spesso in colpa per i risultati non raggiunti e ad attribuirsi, quindi, uno scarso valore.

Fondamentale, a questo proposito, è la modalità con cui si reagisce di fronte agli insuccessi in quanto a determinare il senso di impotenza non è tanto la riuscita o meno di fronte ad un obiettivo, quanto la spiegazione che la persona dà del proprio insuccesso; in particolare, il senso di impotenza appreso si sviluppa in chi ha uno “stile attribuzionale depressivo”.

In cosa consiste lo “stile attribuzionale depressivo”?

In genere, le persone tendenti a sviluppare il senso di impotenza appresa, tendono ad avere un pensiero generalizzato per cui di fronte ad un fallimento, anziché circoscriverlo alla situazione tendono ad alimentare pensieri (errati), quali “Non faccio mai bene niente oltre che attribuirsi completamente la colpa per quanto avvenuto “Ho sbagliato perché sono stupido”.

Il fatto, quindi, di attribuire gli eventi negativi della propria esistenza a cause globali, stabili ed autodeterminate porta a vivere la gran parte delle esperienze quotidiane come infelici e determina un impatto negativo sulla propria autostima.

Come uscire dal meccanismo dell’ “impotenza appresa”?

Rompere questo circolo non è una cosa semplice soprattutto perché tende a svilupparsi prevalentemente all’ interno di un assetto di personalità che poggia spesso su un’ immagine di sé, costruita nell’ infanzia, erroneamente valutata come persona di poco valore e caratterizzata da risorse limitate.

Tali convinzioni, generalmente molto radicate, sono difficili da modificare e talvolta necessitano di un aiuto specialistica teso a comprendere le origini e costruire un assetto di pensiero più consono a quella che è la realtà.

Può comunque essere di aiuto, una volta presa consapevolezza di questa dinamica, cercare di compiere un’ auto-analisi ogni qual volta ci si trovi a vivere un insuccesso, cercando di esaminare le convinzioni erronee e distruttive che aumentano il senso di fallimento.

Ad esempio: “È proprio vero che non faccio mai nulla di buono? Mi ricordo quella volta che..oppure “Non è vero che sono stupido, altrimenti quella volta non avrei preso quel buon voto, semplicemente stavolta non mi sono applicato perché sto attraversando un periodo di forte stanchezza”.

Reinterpretare la realtà nella maniera più obiettiva possibile, così come focalizzarsi sulle vittorie e sui pregi piuttosto che sui fallimenti ed i difetti, possono essere comportamenti  d’ aiuto nell’ evitare di amplificare un singolo errore generalizzandolo e facendolo divenire totalizzante e distruttivo.

sintomi depressione, disturbo bipolare, psicologo firenze, psicoterapeuta firenze, ansia sintomi, ilaria visconti

Riferimenti Bibliografici:
Davison&Neal (2004), Psicologia Clinica, seconda ed. it., Zanichelli Editore, Bologna.

Letture correlate

http://www.ilariavisconti.it/sintomi-depressione-mi-sento-spesso-triste/

http://www.ilariavisconti.it/sintomi-depressione-impotenza-appresa/

http://www.ilariavisconti.it/sintomi-depressione-la-ruminazione-mentale/

http://www.ilariavisconti.it/sintomi-depressione-malumore-d-autunno/

Ilaria Visconti

Mi chiamo Ilaria Visconti e sono una Psicologa Firenze e Psicoterapeuta Firenze che svolge attività di libera professionista. Sono specializzata in Psicoterapia Comparata e mi occupo di ogni problematica di pertinenza psicologica. In particolare, mi occupo di sintomi d’ansia ad ampio spettro (dall’ansia sintomi generalizzata, all’ansia sintomi sociale ai disturbi psicosomatici) e di ciò che attiene alla sfera dei disturbi dell’umore (sintomi depressione, maniacali e disturbo bipolare). Utilizzo una modalità di lavoro tesa ad accogliere ogni persona nella sua unicità, cercando attuare un intervento “ritagliato” sull’individuo.
I campi affrontati sono: sintomi depressione, disturbo bipolare, ansia sintomi, psicologo firenze, psicoterapeuta firenze.

Condividi: